Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

AVVISI PER I CONNAZIONALI CHE INTENDONO RECARSI IN TURCHIA O RIENTRARE IN ITALIA

Data:

01/07/2021


AVVISI PER I CONNAZIONALI CHE INTENDONO RECARSI IN TURCHIA O RIENTRARE IN ITALIA

INGRESSO IN TURCHIA

Si informa che le Autorità turche hanno reso noto che al fine di fronteggiare la diffusione del contagio da Covid-19 sono state aggiornate le misure per coloro che arrivino in Turchia dall’estero. A partire dal  01 giugno 2021 coloro che:

1. provengono da Afghanistan, Bangladesh, Brasile, Sud Africa, India, Nepal, Pakistan e Sri Lanka e coloro che negli ultimi 14 giorni si sono recati in tali paesi, hanno l’obbligo di presentare al loro ingresso in Turchia il risultato negativo del test PCR effettuato nelle 72 ore antecedenti all’ingresso e dovranno osservare un periodo di quarantena di 14 giorni in strutture indicate dal Governatorato. Il 14° giorno della quarantena verranno sottoposte ad un test PCR e se l’esito sarà negativo la loro quarantena potrà terminare alla fine del 14° giorno. Se l’esito del test sarà positivo, la quarantena verrà prolungata.

2. Coloro che provengono dal Regno Unito, Iran, Egitto e Singapore dovranno presentare al loro ingresso in Turchia il risultato negativo del test PCR effettuato nelle ultime 72 ore.

3. Per tutti gli altri paesi - e quindi anche l’Italia - a tutti coloro che entrano in Turchia dalle frontiere via aria, terra e mare non verrà richiesto l’esito negativo del test PCR e non verranno applicate misure di quarantena a condizione che venga presentato un documento rilasciato dalle autorità competenti del proprio paese attestante che l’interessato è stato vaccinato almeno 14 giorni prima dell’ingresso nel paese e/o ha già contratto ed è guarito dal Covid negli ultimi 6 mesi. Coloro che non presenteranno un certificato vaccinale o la certificazione attestante di avere superato il Covid, dovranno presentare il risultato negativo del test PCR effettuato nelle 72 ore precedenti all’arrivo o di un test antigenico rapido effettuato non oltre le 48 ore precedenti l’ingresso nel Paese.

4. Tutti i passeggeri in ingresso in Turchia devono compilare il Travel Entry Form, disponibile qui, 72 ore prima della partenza. Un codice HES verrà automaticamente generato dal sistema. Si consiglia di portare sempre con sé copia del codice HES personale (10 caratteri) poiché sarà indispensabile per effettuare una serie di attività durante il soggiorno, come ad esempio accedere a centri commerciali, usufruire del trasporto pubblico etc.

5. Salvo i viaggiatori provenienti dai Paesi di cui al punto 1, coloro che entrano in Turchia da tutti i varchi di frontiera, possono essere sottoposte al test PCR a campione nei punti di arrivo. Le persone risultate positive ed i loro stretti contatti dovranno osservare una quarantena per un periodo di 14 giorni presso gli indirizzi da loro indicati. La quarantena potrà essere interrotta qualora il risultato di un test PCR effettuato al 10mo giorno risulti negativo. Coloro i quali siano risultati positivi alla variante indiana B.1.617 dovranno comunque osservare tutto il periodo di quarantena senza possibilità di interruzione.

Tali misure non si applicano: al personale aereo e navale, all’equipaggio delle navi e agli autisti dei Tir, considerati come personale essenziale, i quali saranno esenti dal test SARS-CoV-2 PCR e dalla quarantena. Ai passeggeri in transito saranno applicate le regole previste dal Paese di destinazione finale.

Prima di acquistare il biglietto on-line si suggerisce sempre di effettuare una verifica aggiornata con la Compagnia Aerea di riferimento circa l’operatività del volo. Prima di mettersi in viaggio è inoltre opportuno consultare attentamente tutte le regole di imbarco stabilite dal vettore aereo come gli orari minimi di arrivo al check-in, l’utilizzo di dispositivi di protezione individuale (mascherine) etc.

 **********************************************************************************************************

RIENTRO O INGRESSO IN ITALIA

Alla luce di quanto previsto dall’Ordinanza del Ministero della Salute del 14 maggio 2021, si informa che:

1. a partire dal giorno 21 giugno 2021 tutti coloro che entreranno in Italia da Stati o territori rientranti negli elenchi D ed E - VALE A DIRE ANCHE DALLA TURCHIA - dell’allegato 20 del DPCM 2 marzo 2021, dovranno sottoporsi a tampone molecolare o antigenico nelle 72 ore precedenti all’ingresso.
2. A partire dal 21 giugno, chi faccia ingresso in territorio nazionale dai Paesi di cui agli elenchi D ed E dell’allegato 20 - VALE A DIRE ANCHE DALLA TURCHIA - dovrà osservare un periodo di quarantena domiciliare di 10 giorni, e sottoporsi a tampone molecolare o antigenico al termine di tale periodo;
3. L’obbligo, per chi faccia ingresso nel territorio nazionale dai Paesi di cui agli elenchi B, C, D ed E dell’allegato 20 - VALE A DIRE ANCHE DALLA TURCHIA - di compilare un modulo di localizzazione in formato digitale al seguente link: https://app.euplf.eu/#/, sulla base delle indicazioni di apposita circolare della Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria del Ministero della Salute. Il modulo di localizzazione digitale potrà essere sostituito dalla precedente dichiarazione in modalità cartacea in caso di impedimento tecnologico. L’autodichiarazione va mostrata a chiunque sia preposto ad effettuare i controlli. (È opportuno essere pronti a mostrare eventuale documentazione di supporto e a rispondere a eventuali domande da parte del personale preposto ai controlli). Sono previste alcune eccezioni, per le quali si raccomanda la lettura della Normativa Anti-Covid.

Si ricorda inoltre di prendere attenta visione delle misure attualmente di sicurezza sanitaria attualmente vigenti in Italia tramite questo link: FAQ: domande frequenti relative ai cittadini italiani in rientro dall’estero e cittadini stranieri in Italia.

E’ disponibile un questionario per chi è in partenza per l’estero o deve rientrare in Italia, basato sulla normativa italiana attualmente in vigore.

Il questionario ha carattere meramente informativo, non ha valore legale e il risultato ottenuto non garantisce l’ingresso in Italia né nel Paese di destinazione.

***********************************************************************************************************

RESTRIZIONI IN VIGORE ALL’INTERNO DEL PAESE

La terza fase di normalizzazione in Turchia ha avuto inizio in data 1 luglio 2021, come segue:

1. COPRIFUOCO e VIAGGI FRA LE CITTA’

Dalle ore 05:00 di giovedi’ 1 luglio 2021, il coprifuoco e le restrizioni di viaggio fra le citta’ vengono abolite, sia durante i giorni settimanali che nei fine settimana.

2. ATTIVITA’ DEI POSTI DI LAVORO

Mantenendo sempre le previste precauzioni di uso di mascherine e distanziamenti, sono in vigore i seguenti regolamenti:

- Tutti i posti di lavoro, le cui attivita’ erano sospese, potranno riprendere ad operare di nuovo a partire da giovedi’ 1 luglio 2021.

- Cinema e Teatri saranno riaperti a partire dal 1 luglio 2021.

- Dal 1 luglio 2021, le restrizioni concernenti il numero di persone che possono pranzare allo stesso tavolo, simultaneamente fuori oppure all’interno dei ristoranti vengono abolite, a costo che la distanza fra tavoli e sedie venga rispettata.

- I luoghi di divertimento con musica (dal vivo oppure in playback) resteranno aperti fino alle 24:00.

- Le restrizioni imposte per i parchi, giardini, campeggi, luoghi per picnic/aree di ricreazione saranno abolite, rispettando comunque sempre le regole anti-covid previste.

 

3. MISURE PER I TRASPORTI PUBBLICI

Con rispetto delle norme anti-covid:

- Le limitazioni riguardo a passeggeri/capacita’ di posti in tutti i trasporti urbani e/oppure trasporti pubblici intercity saranno abolite.

- Le restrizioni per l’uso di trasporti pubblici da parte di persone over 65 e con meno di 18 saranno abolite.

 

4. ORARIO LAVORATIVO DI ISTITUZIONI PUBBLICHE E ORGANIZZAZIONI

- L’orario limitato 10.00 - 16.00 sara’ abolito dal 1 luglio 2021 e le istituzioni e organizzazioni pubbliche torneranno ad applicare l’orario normale. Per le Istituzioni pubbliche ed organizzazioni gli orari lavorativi e la pausa pranzo sara’ decisa dai Governatori sulla base delle caratteristiche della regione e dai servizi forniti.


730